Via Veneto

Via Vittorio Veneto, conosciuta ai più semplicemente come via Veneto, deve la sua notorietà agli anni della Dolce Vita, quegli anni ’60 in cui Roma era il fulcro della cinematografia, dell’arte e della cultura. In quel periodo la bellissima strada accoglieva volti noti provenienti da tutto il mondo, ospiti dei bellissimi alberghi e frequentatori di caffè e club che hanno fatto la storia della vita notturna della Capitale. Non era difficile vedere seduti all’Harry’s Bar celebrità del calibro di Frank Sinatra, Audrey Hepburn, Jean Paul Belmondo, Marlon Brando, Sofia Loren, Federico Fellini. La bellezza di palazzi storici, le chiese che la connotano – come quella di Santa Maria della Concezione dei Cappuccini  – i teatri e i tantissimi hotel pluristellati, ancora oggi conferiscono alla strada un’allure del tutto particolare. Via Veneto è il collegamento naturale tra la maestosa piazza Barberini e la Fontana del Tritone del Bernini, con Porta Pinciana e le meraviglie di Villa Borghese. Una bellezza ancora intatta che richiama turisti da tutto il mondo e assicura a via Veneto un’ottima posizione nella top ten delle strade più visitate. Naturalmente negli anni, la sua versione più poetica ha cambiato forma, lasciando spazio anche ai tanti business men che su via Veneto e dintorni hanno deciso di radicare le sedi dei loro uffici, perfettamente in linea con la modernizzazione dell’intera Urbe. La storicità e il suo profilo artistico oggi convivono con uffici, agenzie, holding, ristoranti, ma per quanti avessero ancora voglia di “sentire” il fascino di una Roma ormai quasi inesistente, via Veneto non sarà una delusione.